Per poter funzionare correttamente il sito utilizza i cookies, anche di terze parti.
Hai la possibilità di scegliere se approvare o non approvare l'utilizzo di questi strumenti.
Non cliccando sul tasto 'Approvo', purtroppo alcune funzioni non saranno disponibili (Widget Facebook, e social sharing, Google Maps, etc.)

Pescare - Itinerari

Sono 11 gli itinerari dedicati alla pesca, tutti molto vicini alla sede e al Lodge situato a Vezza d’Oglio (Bs). Sacrificio e passione ci hanno permesso di realizzare una importante e attrezzata struttura ritenuta oggi uno dei più validi Lodge, dedicati alla pesca, a livello Europeo. Certamente un validissimo punto di partenza e riferimento per raggiungere tutti gli itinerari proposti.
Alloggio Bed & Breakfast, zona di pesca adiacente il Lodge, Laghetto, noleggio attrezzatura da pesca, servizio di accompagnamento per tutti gli itinerari, saletta attrezzata per la costruzione degli artificiali, scuola di lancio, bar, TV satellitare, sala convegni da 150 posti, questi sono solo alcuni dei servizi che la sede e il Lodge dell’E.U.F.F. può offrirvi.

 

Sotto trovate il link per scaricare

la MAPPA DEGLI ITINERARI DI PESCA

(versione in alta definizione)

 
 

Itinerario n. 1 - FIUME OGLIO - VEZZA D’OGLIO

010 019r  229 br  605 r  olena pesca in ginocchio 
         
Zona di sola pesca a mosca - no kill – prendi e rilascia - lunghezza ca. 2 Km. e laghetto E.U.F.F.

I confini: Il tratto vede nella sua parte a monte, una zona di protezione di divieto totale di pesca per circa 600 mt. Il tratto di pesca a mosca inizia proprio al confine della zona di divieto e prosegue verso valle per circa 2 Km., sino al ponte in località Fontanacce. Tutta la zona è delimitata da cartelli provinciali che indicano la zona NO KILL – prendi e rilascia. In tutta la sua lunghezza il tratto è percorribile e guadabile in più punti. Gli accessi principali dove parcheggiare e accedere al fiume sono, a monte la sede E.U.F.F. e il Lodge; a valle il parcheggio - Trattoria Fontanacce.

Periodo di pesca: dall’ultima domenica di Febbraio alla prima domenica di Ottobre.

Permessi di pesca: Per poter accedere alla zona di pesca è necessario essere in regola con la licenza governativa oltre a questo, in tutti i tratti d'acqua pubblica destinati in via esclusiva alla pesca "no kill", cioè con il rilascio del pesce catturato, vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca. Il tesserino è gratuito, ha la durata di un anno e deve essere obbligatoriamente restituito entro il 31 gennaio dell'anno successivo al rilascio. Il tesserino potrà essere direttamente ritirato alla Sede E.U.F.F. di Vezza d’Oglio, oppure presso gli uffici Pesca Provinciali con Sede a Brescia.
Inoltre può essere richiesto on line all’indirizzo: http://pescaweb.provincia.brescia.it/pesca-nokill/

Regolamento di pesca: E’ obbligatorio l’uso di ami senza ardiglione o con ardiglione schiacciato e con un massimo di tre mosche artificiali. E’ vietato l’uso di esche in gomma e siliconici. La pesca a mosca può essere svolta esclusivamente con la tecnica a coda di topo. NO KILL – Prendi e rilascia: è obbligatorio il rilascio di tutto il pesce pescato, bagnarsi le mani prima di effettuare le operazioni di slamatura. Il pescatore non può detenere con sé pesci pescati in altre zone. Vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca, segnando data uscita di pesca, specie e misure dei pesci catturati e rilasciati.

Pesci presenti: questa zona di fiume vede una massiccia presenza di trote fario di tutte le taglie. Potrete notare centinaia di avannotti, segno evidente della buona qualità dell’acqua e di una costante riproduzione naturale. Le trote di taglia non mancano, essendo però per una buona parte, trote autoctone, non sempre si aggirano “fuori tana”. Periodi migliori: vista l’altitudine, 1.100 mt. s.l.m. i periodi migliori per la pesca vanno da Aprile a Giugno per l’intera giornata; nei mesi estivi, Luglio e Agosto avrete più successo nelle ore di prima mattina e serali, mentre per il mese di Settembre e Ottobre sino alla chiusura della pesca, l’intera giornata, offre nuovamente buone possibilità di catture.

Mosche artificiali: viste le ottime schiuse di grosse effimere e sedge, gli artificiali consigliati per la secca, sono mosche da caccia voluminose Torrentis, March Brown, Royal Wulff, Sedge in cdc. Per la pesca a ninfa imitazioni su ami del 6 / 8 nelle colorazioni marrone, nero/giallo. Streamers in marabou o pelo di coniglio tinto marrone, nero o bianco.

Numeri utili:
Sede E.U.F.F. - Lodge tel. - 0364/737031
Pro Loco - tel. 0364/76131
Carabinieri - tel. 0364/76122-76831
Corpo Forestale dello Stato - tel. 0364/76136
Parco dell'Adamello ufficio periferico - tel. 0364/76165
Parco Nazionale dello Stelvio - tel. 0364/76361
Guida Alpina - Maestro alpinismo Renzo Zampati - tel. 3396142276



Itinerario n. 2 - TORRENTE VAL GRANDE - TORRENTE AVIOLO – LAGO D’AVIOLO

12173826  LAGO AVIOLO       
         
Questo itinerario vi propone due torrenti che scorrono nelle due valli che si fronteggiano nel Comune di Vezza d’Oglio, la Val Grande e la Val Paghera. Inoltre il bellissimo Lago d’Aviolo.

Queste due valli sono percorse dai torrenti Val Grande e Aviolo. Questo è un itinerario adatto a chi ama la pesca in torrente, con difficoltà legate alla velocità dell’acqua e alle sponde ricche di vegetazione. Le trote presenti in questi torrenti, sono per la maggior parte autoctone, e come spesso accade in questi casi, le difficoltà di pesca vengono ripagate da esemplari con colori stupendi e livree bellissime.

Regolamento: la pesca in questi due torrenti non ha limitazioni sulle tecniche da poter utilizzare. E’ necessario essere naturalmente in regola con la licenza di pesca governativa. L’invito in ogni caso anche per questa zona, è quello di praticare il NO – KILL - Prendi e Rilascia.

Periodo di pesca: dall’ultima domenica di Febbraio alla prima domenica di Ottobre.
La Val Paghera inoltre offre un bellissimo itinerario per chi ama le passeggiate, lo spendido lago alpino Aviolo.

Come si raggiunge: il primo tratto è raggiungibile in auto. Dal lodge E.U.F.F. dovrete seguire le indicazioni per la Val Paghera, dopo circa 3 Km. nei pressi del “Rifugio alla Cascata” dovrete lasciare l’auto. Qui inizia il sentiero n. 21 che porta al Lago d’Aviolo. La salita è abbastanza impegnativa, il tempo di percorrenza va da un ora a un ora e mezza, ma una volta giunti al lago la bellezza e il fascino del posto vi ripagheranno della fatica.

Pesci presenti: in questi torrenti e nel Lago d’Aviolo; sono presenti trote fario di tutte le taglie.

Periodo di pesca: dall’ultima domenica di Febbraio alla prima domenica di Ottobre.

Periodi migliori: Vista l’altitudine e le zone innevate, i periodi migliori per la pesca in questi torrenti e nel lago d’Aviolo va da Giugno a Settembre.


Itinerario n. 3 - RISERVA DELLE VALLI DI S.ANTONIO: TORRENTE CAMPOVECCHIO – TORRENTE OGLIOLO – TORRENTE BRANDET

544 bis         
         
Corteno Golgi – 4 zone di pesca nella Riserva delle Valli di S.Antonio e 2 zone di sola pesca a mosca Torrente Campovecchio – 1 zona con possibilità di cattura della lunghezza di ca. 2 Km. e una zona NO KILL della lunghezza di ca. 2,8 Km.

A soli 10 Km. dal lodge e dalla sede E.U.F.F. avrete la possibilità di pescare nella splendida riserva naturale delle valli di S.Antonio, oltre alla regolare licenza di pesca governativa in corso di validità, per poter accedere alla pesca in queste zone è obbligatorio munirsi di permessi giornalieri di pesca validi per i diversi tratti di corso d’acqua. I costi dei permessi variano a secondo delle zone vi invitiamo a consultare il sito internet www.vallisantantonio.it dove potrete trovare indirizzi dei punti vendita e tutti i costi.

Le zone e i permessi disponibili sono così suddivisi:

Permesso Torrente di Campovecchio - zona di sola pesca a mosca. Torrente Campovecchio, nel settore compreso tra il ponte del sentiero per Val Forame, a monte, ed il ponte delle Baite di Campovecchio, a valle. Lunghezza tratto 2 Km. E’ possibile pescare solo a mosca con coda di topo. In questa zona, possibilità di trattenere 2 pesci con misura minima di 30cm.
Permesso Torrente di Campovecchio - zona NO KILL di sola pesca a mosca. In questa zona si può pescare esclusivamente a mosca con coda di topo con obbligo di rilascio del pescato, nel tratto compreso tra Malga Culvegla, a monte, ed il ponte del sentiero per la Val Forame, a valle. Lunghezza tratto 2,8 Km.

PER QUESTO TRATTO DI PESCA A MOSCA ZONA NO KILL – E’ OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE!

I tratti del Torrente di Campovecchio dedicati alla pesca a mosca sono, tra le zone della riserva, i più affascinanti e di incomparabile bellezza, buche e lame, di un colore smeraldo, si alternano per tutti e due i tratti di pesca. Un comodo sentiero costeggia tutta la zona di pesca, gli abeti sulla sponda sinistra si alternano ai prati sulla sponda opposta, offrendo al pescatore un alternanza di accessi al torrente.

Periodi migliori: a causa dell’elevata altitudine e dello scioglimento dei nevai, i periodi migliori vanno da maggio a giugno. Nei periodi più caldi luglio e agosto, il discreto abbassamento dei livelli e l’aumento della temperatura offrono le situazioni migliori verso le ore serali. Mentre da settembre sino alla chiusura prima domenica di ottobre, la pesca è ottima per tutta la giornata.

Mosche artificiali: per le massicce schiuse di grosse effimere, perla massima, e sedge, si consigliano mosche secche da caccia Torrentis, March Brown, Royal Wulff, Black Pleco. Per la pesca a ninfa, ninfe montate su ami del n. 6/8 nelle colorazioni marrone scuro, nero/giallo, grigio scuro. Per gli streamers, marabou nei colori nero, azzurro e salmone. Per tutti gli artificiali utilizzati esiste l’obbligo di schiacciare l’ardiglione.

Permesso zona Laghetto: zona di pesca dedicata ai ragazzi, un ampio slargo del torrente Ogliolo offre l’opportunità di pescare anche ai più giovani, lunghezza del tratto circa 200 mt. E’ possibile pescare con tutte le tecniche di pesca.
Permesso Torrente Ogliolo: tratto di Torrente Ogliolo compreso tra la confluenza del Torrente S. Antonio in località Campagnola, a monte, ed il ponte presso il Ristorante del Pescatore a. Lunghezza tratto circa 2,6 Km. E’ possibile pescare con tutte le tecniche di pesca.
Permesso Torrente – Campovecchio - S.Antonio: Tratto del torrente Campovechio compreso tra il ponte coperto di Campovecchio, a monte, fino all’abitato di S.Antonio, a valle, e da qui verso valle, lungo il torrente S. Antonio, fino alla confluenza con il torrente ogliolo in Località Campagnola. Lunghezza tratto circa 3,1 Km. E’ possibile pescare con tutte le tecniche di pesca.
Permesso Torrente Brandet – Tratto del torrente Brandet, nel settore compreso tra il ponte del Gallina, a monte, e la confluenza con il torrente Campovecchio in località S. Antonio, a valle. Lunghezza tratto Km. 2,4. E’ possibile pescare con tutte le tecniche di pesca. (CHIUSO IL MARTEDi’ – GIOVEDI’ – VENERDI’).

PERIODI DI PESCA - DATE APERTURE DELLE VARIE ZONE - ANNO 2017:
Torrente Ogliolo e Laghetto. 25 Marzo 2017
Torrente Sant’Antonio. 01 Aprile 2017
Torrente Val Brandet. 15 Aprile 2017 (chiuso il Martedì - Giovedì - Venerdì)
Torrente Campovecchio zona di pesca a mosca. 22 Aprile 2017
 
In tutti i tratti è vietato l'uso e la detenzione del guadino.

La chiusura alla pesca per tutti i tratti è la prima domenica di ottobre.

Permessi di pesca: oltre alla regolare licenza di pesca governativa/bollettino in corso di validità, per poter accedere alla pesca in queste zone è obbligatorio munirsi di permessi giornalieri di pesca validi per i diversi tratti di corso d’acqua. I costi dei permessi variano a secondo delle zone vi invitiamo a consultare il sito internet www.vallisantantonio.it dove potrete trovare indirizzi dei punti vendita e tutti i costi.
 
Scarica il pieghevole completo per il regolamento di pesca: http://www.vallidisantantonio.it/files/Pieghevole_Pesca_2013.pdf 


Itinerario n. 4 – LAGO DEL MORTIROLO – Monno - Rifugio Lago del Mortirolo

Panoramica lago mortirolo 2 br 3         
         
Oltre ai fiumi e ai torrenti, in alta Valle Camonica, numerosi sono i laghi alpini, il Lago del Mortirolo è forse uno tra i più belli e adatti alla pesca. L’omonimo passo è ormai celebre per il passaggio del Giro d’Italia, le bellissime riprese televisive di questi luoghi hanno reso questo passo famoso al pubblico, ma resta certamente da scoprire il fascino delle pesca in questo stupendo lago, incastonato tra alte montagne.
La zona: anche per questo quarto itinerario siamo a soli 10 km. dalla nostra base di partenza, il lodge E.U.F.F. a Vezza d’Oglio. Il lago si trova a 1780 mt. s.l.m., per poter raggiungere il passo, da Vezza dovrete seguire le indicazioni per Edolo, passato il paese di Incudine si abbandona la SS per Edolo e si svolta a destra in direzione del paese di Monno, dopo circa 5 Km. seguite le indicazioni Lago del Mortirolo – Rifugio Antonioli.

Periodo di pesca: APERTURA DELLA PESCA 15 APRILE 2017 - per il 2017 - Strada principale già percorribile. Vista l’altitudine e le abbondanti nevicate che interessano questa zona, difficilmente il lago è raggiungibile prima di maggio, in ogni caso per conferme si consiglia di telefonare al tel. 3294547123.  I mesi migliori per la pesca, vanno da giugno a settembre.
 
Permessi di pesca: OBBLIGATORIO ESSENDO IL LAGO CENTRO PRIVATO DI PESCA per poter pescare nel lago è necessario essere muniti di permesso giornaliero di pesca.
 
Costi dei Permessi di pesca giornaliero: € 15,00 giornata intera per max. 5 pesci
 
Tecniche di pesca: è possibile pescare con tutte le tecniche di pesca.

Pesci presenti: il lago è ricco di salmerini, trote fario e sanguinerole, “foraggio base” per i salmonidi presenti. La taglia media va dai 25 ai 35 cm. Oltre a numerosi pesci che superano anche il Kg. di peso.

Mosche artificiali: vista la presenza di sanguinerole consigliamo streamers piombati e non, costruiti con marabou nei colori bianco, nero e arancio. Ottime le imitazioni con testina piombata oro. Nei periodi più caldi verso sera, mosche da caccia voluminose fatte saltare sulla superficie con piccoli colpi di cimino, daranno buoni risultati. Ottime le sedge in cdc nei colori ginger e naturale, valide anche grosse emergenti nere o formiconi.
 
Possibilità ai pescatori di pranzare o cenare direttamente al Rifugio.

Numeri utili:
Rifugio Lago del Mortirolo: tel. 3294547123
Municipio: tel. e fax 0364/779400
Pro Loco: tel. 0364/779400 fax 0364/779214



Itinerario n. 5 - FIUME OGLIO - TORRENTE NARCANELLO E TORRENTE FRIGIDOLFO.

         
         
Ponte di Legno - Fiume Oglio - Torrente Narcanello e Torrente Frigidolfo.

Anche per questo sesto itinerario siamo a soli 10 km. dalla nostra base di partenza, il lodge E.U.F.F. a Vezza d’Oglio. Le zone di pesca sono il fiume Oglio, il torrente Narcanello e il torrente Frigidolfo, quest’ultimo più adatto per la pesca a mosca. Per tutti i fiumi e i torrenti citati non esistono particolari regolamentazioni, tranne naturalmente di possedere la licenza governativa di pesca in regola. Cosa diversa sarà se vi recherete a pescare nella zona a monte del Torrente Frigidolfo. In questo caso la vostra azione di pesca si svolge all’interno del Parco dello Stelvio e pertanto, vi dovrete munire di permesso annuale di pesca "Parco dello Stelvio". Il costo del permesso annuale è di euro 15 e vi permette di poter pescare all’interno di tutto il parco.

Potrete trovare i permessi per pescare all’interno del Parco dello Stelvio direttamente alla Sede E.U.F.F. – Lodge - Via del piano – Vezza d’Oglio - tel. 0364 737031

Per poter raggiungere il torrente Frigidolfo, una volta giunti a Ponte di Legno, bisognerà seguire le indicazioni per il Passo del Gavia. Durante la salita noterete da subito il torrente. In questo primo tratto il corso d’acqua è impetuoso, ricco di salti buche e buchette, ottimo per lo spinning ma forse un po’ impegnativo per la pesca a mosca.
Dopo alcuni tornanti arriverete ad un altipiano chiamato Valle delle messi, “piana di Santa Apollonia”, qui inizia il nostro itinerario. In questo tratto, il torrente scorre dolcemente tra i prati in una cornice bellissima ai piedi del monte Gavia e del Corno dei Tre Signori.

Periodo di pesca: apertura ultima domenica di febbraio, chiusura prima domenica di ottobre.

Regolamento: la zona non ha limitazioni sulle tecniche di pesca da poter utilizzare, ma la conformazione dell’alveo si presta in particolar modo alla pesca a mosca, l’invito in ogni caso è di praticare il no kill - prendi e rilascia.

Pesci presenti: la trota fario e il Salmerino di fonte sono i pesci più presenti, rari temoli

Periodi migliori: visto che ci troviamo a circa 1700 mt. s.l.m. la stagione migliore va da maggio a settembre. Nei mesi più caldi il mattino e la sera sono gli orari migliori per insidiare i pesci di taglia, sottolineiamo il fatto che pescherete su pesci prevalentemente autoctoni e non di "pronta pesca"!! Certamente più sospettosi e selvaggi!!

Mosche artificiali: sono presenti sia effimere che tricotteri, pertanto mosche da caccia e sedge vi regaleranno ottimi risultati. Ad inizio stagione Uragano quill e la Killer quill ottime mosche per trote e temoli. Per gli amanti della pesca a ninfa, potrete insidiare i temoli pescando a vista con ninfe con testina dorata nei colori oliva, nero e nocciola.

Numeri utili:
Municipio: 0364/900139
Uff. informazioni e accoglienza turistica: tel. 0364/91122 - fax 036491949


Itinerario n.6 - FIUME OGLIO - Sonico/Malonno

         
         
Zona NO KILL - tutte le esche - prendi e rilascia.

Permessi di pesca: Per poter accedere alla zona di pesca è necessario essere in regola con la licenza governativa oltre a questo, in tutti i tratti d'acqua pubblica destinati in via esclusiva alla pesca "no kill", cioè con il rilascio del pesce catturato, vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca. Il tesserino è gratuito, ha la durata di un anno e deve essere obbligatoriamente restituito entro il 31 gennaio dell'anno successivo al rilascio. Il tesserino potrà essere direttamente ritirato alla Sede E.U.F.F. di Vezza d’Oglio, oppure presso gli uffici Pesca Provinciali con Sede a Brescia.
Inoltre può essere richiesto on line all’indirizzo: http://pescaweb.provincia.brescia.it/pesca-nokill/

Regolamento di pesca: E’ obbligatorio l’uso di ami senza ardiglione o con ardiglione schiacciato.
Prendi e rilascia: è obbligatorio il rilascio di tutto il pesce pescato, bagnarsi le mani prima di effettuare le operazioni di slamatura. Il pescatore non può detenere con sé pesci pescati in altre zone. Vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca, segnando data uscita di pesca, specie e misure dei pesci catturati e rilasciati.

Confini: il confine sud a valle, va dalla confluenza del torrente Remulo, mentre il confine a monte, risale dalla detta confluenza per 1 km. Tutta la zona è in ogni caso ben delimitata da cartelli provinciali che indicano la zona no kill – prendi e rilascia aperta a tutte le esche.

Pesci presenti: Trota fario, Trota marmorata, ibridi e rari temoli.

Numeri Utili, per ulteriori informazioni sulla zona e altri indirizzi per rilascio del tesserino segna pesci:
A.P.S Sonico Mottinelli - tel. 0364-72924
A.P. Malonno Bona Mirco - tel. 328 6711832
Bar Alexander via Torre, 27 Malonno - tel. 0364 635215
Tuttopesca di Avanzini Giuseppe via Nazionale, 55 Cedegolo - tel. 329 4915874


Itinerario n. 7 - FIUME OGLIO - Ceto/Cerveno

         
         
Zona NO KILL - tutte le esche - prendi e rilascia.

Permessi di pesca: Per poter accedere alla zona di pesca è necessario essere in regola con la licenza governativa oltre a questo, in tutti i tratti d'acqua pubblica destinati in via esclusiva alla pesca "no kill", cioè con il rilascio del pesce catturato, vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca. Il tesserino è gratuito, ha la durata di un anno e deve essere obbligatoriamente restituito entro il 31 gennaio dell'anno successivo al rilascio. Il tesserino potrà essere direttamente ritirato alla Sede E.U.F.F. di Vezza d’Oglio, oppure presso gli uffici Pesca Provinciali con Sede a Brescia.
Inoltre può essere richiesto on line all’indirizzo: http://pescaweb.provincia.brescia.it/pesca-nokill/

Regolamento di pesca: E’ obbligatorio l’uso di ami senza ardiglione o con ardiglione schiacciato. Prendi e rilascia: è obbligatorio il rilascio di tutto il pesce pescato, bagnarsi le mani prima di effettuare le operazioni di slamatura. Il pescatore non può detenere con sé pesci pescati in altre zone. Vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca, segnando data uscita di pesca, specie e misure dei pesci catturati e rilasciati.

Pesci presenti: Trota fario, Trota marmorata, ibridi e rari temoli.

Numeri Utili, per ulteriori informazioni sulla zona e altri indirizzi per rilascio del tesserino segna pesci:
Gruppo pescatori Pallobbia Bortolo Gasparini - tel. 339 1238997
Big Bar via Badetto, 17 Ceto - tel. 0364 433672


Itinerario n. 8 - FIUME OGLIO – Darfo Boario Terme

         
         
Zona NO KILL – solo esche Artificiali (mosca e spinning) - prendi e rilascia.

Permessi di pesca: Per poter accedere alla zona di pesca è necessario essere in regola con la licenza governativa oltre a questo, in tutti i tratti d'acqua pubblica destinati in via esclusiva alla pesca "no kill", cioè con il rilascio del pesce catturato, vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca. Il tesserino è gratuito, ha la durata di un anno e deve essere obbligatoriamente restituito entro il 31 gennaio dell'anno successivo al rilascio. Il tesserino potrà essere direttamente ritirato alla Sede E.U.F.F. di Vezza d’Oglio, oppure presso gli uffici Pesca Provinciali con Sede a Brescia.
Inoltre può essere richiesto on line all’indirizzo: http://pescaweb.provincia.brescia.it/pesca-nokill/

Regolamento di pesca: E’ obbligatorio l’uso di ami senza ardiglione o con ardiglione schiacciato. Prendi e rilascia: è obbligatorio il rilascio di tutto il pesce pescato, bagnarsi le mani prima di effettuare le operazioni di slamatura. Il pescatore non può detenere con sé pesci pescati in altre zone. Vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca, segnando data uscita di pesca, specie e misure dei pesci catturati e rilasciati.

Pesci presenti: Trota fario, Trota marmorata, ibridi e rari temoli.

Numeri Utili, per ulteriori informazioni sulla zona e altri indirizzi per rilascio del tesserino segna pesci:
Associzione Pesca a mosca Vallecamonica - tel. 327 1738664
Il Martin pescatore via Calatafimi 6, Darfo Boario tel. 0364 534161

Itinerario n. 9 - TORRENTE DEZZO – Angolo Terme

         
         
Zona NO KILL – solo esche Artificiali (mosca e spinning) - prendi e rilascia.

Permessi di pesca: Per poter accedere alla zona di pesca è necessario essere in regola con la licenza governativa oltre a questo, in tutti i tratti d'acqua pubblica destinati in via esclusiva alla pesca "no kill", cioè con il rilascio del pesce catturato, vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca. Il tesserino è gratuito, ha la durata di un anno e deve essere obbligatoriamente restituito entro il 31 gennaio dell'anno successivo al rilascio. Il tesserino potrà essere direttamente ritirato alla Sede E.U.F.F. di Vezza d’Oglio, oppure presso gli uffici Pesca Provinciali con Sede a Brescia.
Inoltre può essere richiesto on line all’indirizzo: http://pescaweb.provincia.brescia.it/pesca-nokill/

Regolamento di pesca: E’ obbligatorio l’uso di ami senza ardiglione o con ardiglione schiacciato. Prendi e rilascia: è obbligatorio il rilascio di tutto il pesce pescato, bagnarsi le mani prima di effettuare le operazioni di slamatura. Il pescatore non può detenere con sé pesci pescati in altre zone. Vige l'obbligo del tesserino segna pesci che deve essere compilato dal pescatore per ogni uscita di pesca, segnando data uscita di pesca, specie e misure dei pesci catturati e rilasciati.

Pesci presenti: Trota fario, Trota marmorata, ibridi e rari temoli.


Itinerario n. 10 - VALTELLINA - FIUME ADDA E AFFLUENTI.

816 temolo 49 Copia  img 2510 445cm-copy  img 4838  piateda   
         
Permessi di pesca obbligatori.

Per maggiori informazioni sui punti vendita permessi e costi: Associazione: UNIONE PESCA SPORTIVA DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sede: via Fiume 85 - 23100 Sondrio / Tel. 0342/217257 - fax 0342 516 433 / Sito internet - www.unionepescasondrio.it


Itinerario n. 11 - PESCA NELLE VALLI DI SOLE – PEIO E RABBI (TN)

         
         
Permessi di pesca obbligatori.

Per maggiori informazioni sui punti vendita permessi, costi e condizioni delle acque:
ASSOCIAZIONE PESCATORI SOLANDRI - Pellizzano (TN) in Via Nazionale, 21 con numeri di tel. 0463/750885, fax 0463/750885 / Sito Internet www.pescatorisolandri.com

ESPLORA L'EUFF
Guarda il video